L'UNIVoC provinciale (Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi)

  • Stampa

Per ogni dettaglio circa le attività svolte dalla sezione UNIVoC di Vercelli è disponibile il pieghevole informativo (in formato PDF).


L'Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi (UNIVoC), si è costituita ad Assisi l'11 marzo 1992 a seguito della emanazione della legge quadro sul volontariato, per decisione dell'Unione Italiana Ciechi di cui è diretta emanazione. Presieduta inizialmente dal prof. Tommaso Daniele a cui va il merito di aver intuito la valenza sociale e culturale di un'associazione tanto prestigiosa, e successivamente dall'avv. Gianni Fucà, è oggi guidata dal prof. Vito Romagno.

La sua sede legale si trova a Roma, in Via Borgognona, 38, mentre quella operativa a Firenze, presso la sede UICI di via Fibonacci, 5 - telefono 055/5001850 fax 055/5001569.

L'UNIVoC si propone come scopo fondamentale l'abbattimento delle difficoltà che ostacolano la piena integrazione sociale dei minorati della vista attraverso interventi personalizzati a supporto del singolo, delle istituzioni pubbliche e di quei servizi che offrono al non vedente la possibilità di un'esistenza serena.

L'UNIVoC opera senza fini di lucro ed è tesa ad affermare il valore della solidarietà.

Attualmente, oltre alla Direzione Nazionale, operano 60 Sezioni provinciali con circa 3500 soci. L'armonia che si crea tra il volontario che vede ed il non vedente nel progettare programmi operativi finalizzati alla soluzione dei bisogni, è un gesto di civiltà e di progresso sociale, ed offre l'occasione di attuare un valido rapporto interpersonale.

Lo scambio di esperienze e di solidarietà dei due mondi conduce l'uomo nel cammino della donazione e gli fa avvertire il senso di sé e la comprensione dell'altro.

Nel cammino che si percorre con l'altro, il donare si lega inscindibilmente con il ricevere e si attribuisce all'esistenza la ragion d'essere. La possibilità, infatti, di riaccendere sul volto di un anziano il sorriso che gli fa attenuare la sofferenza è motivo di profonda gratificazione; l'entusiasmo alla vita che si promuove nell'adolescente in crisi significa aiutarlo nella sua progettazione esistenziale; la gioia con la quale riempiamo un bambino d'affetto ci fa sentire persona. Sentirsi sereno nel rapporto con l'altro significa aver dato un senso alla vita.

Con queste convinzioni il volontario offre la sua disponibilità nelle molteplici iniziative che l'UNIVoC progetta ed attua per rendere più agevole il cammino di chi è costretto a misurarsi quotidianamente con le difficoltà che la minorazione sensoriale comporta, e lo fa con spontaneità e proiezione umana non comune ed in collaborazione con i dirigenti dell'Unione Italiana dei Ciechi.

L'UNIVoC, studia le possibilità degli interventi da offrire ai minorati della vista; si rivolge alle famiglie per aiutarle a superare le difficoltà che incontrano nel processo educativo e formativo dei propri figlioli mediante l'indicazione delle norme legislative che agevolano il cammino all'integrazione sociale con le strutture territoriali UICI, l'UNIVoC collabora per il supporto alle comunità scolastiche offrendo consulenze tiflo‑didattiche necessarie nel processo educativo dei bambini non vedenti e dei giovani studenti; offre collaborazione ai centri del Libro Parlato dell'UICI nella registrazione dei testi scolastici, delle riviste e di qualsiasi altra opera che serva alla crescita umana e culturale; visita le persone anziane per aiutarle a superare la solitudine entro la quale consumano stancamente le giornate. Le aiuta nelle faccende domestiche, le accompagna nelle passeggiate ed organizza gite sociali per rafforzare sempre più lo spirito di solidarietà; si rivolge anche, con particolare umanità, al mondo dei soggetti pluriminorati e alle loro famiglie per aiutarli a vincere lo sconforto e insieme progettare possibilità di recupero in stretta collaborazione con i centri di riabilitazione.

La Direzione Nazionale dell'UNIVoC, in collaborazione con le strutture periferiche, si preoccupa della formazione del volontario per offrirgli le possibilità professionali idonee tenendo conto delle sensibilità e delle disponibilità che ciascuno di essi evidenzia. Inoltre, mediante l'IRIFoR (Istituto per la ricerca, formazione e riabilitazione), svolge corsi di formazione e seminari a livello nazionale e regionale su temi che riguardano le specificità della minorazione visiva per consentire al volontario un intervento mirato ed adeguato alle esigenze dei fruitori dei servizi.

Se desideri dare il tuo contributo all'associazione
puoi devolvere il 5 per mille a favore dell'UNIVoC, eccone il codice fiscale:

94013910024

 


UNIVoC - Sezione provinciale di Vercelli
Sede: Via Dante, 71/73 - 13100 Vercelli
Presidente: Luigi Cerruti
Vice Presidente: Rita Cavallone
Consiglieri: Maura Dago, Antonio Puccio, Maria Paola Vaccino
Segreteria: Giovedì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00
Tel. (Giovedì) 0161 54.212 - gli altri giorni (escluso sabato): 0161 25.35.39
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per urgenze: chiamare il 339 83.31.229 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.